News VERDI
Dionaea Muscipula

La Venere verde dell'orrore

Gode di una fama piuttosto lugubre perché è la protagonista di alcuni racconti dell'orrore. Eppure l'aspetto non è così feroce. È la Dionaea Muscipula, la pianta carnivora per eccellenza. Conosciuta anche come “Venere acchiappamosche”, è apprezzata a scopo ornamentale perché bella e suggestiva.

Originaria dell'America del nord, è considerata un gioiello dell'evoluzione vegetale. Le foglie hanno un sofisticatissimo apparato di cattura composto da piccoli denti morbidi disposti sul bordo in grado di imprigionare la preda. Tra le due foglie sono disposti sei piccoli sensori, simili a peli

trasparenti, capaci di far chiudere di scatto la trappola se sfiorati e stimolati, come quando un insetto vi si appoggia perché attratto dal bel colore della pianta. L'insetto viene poi “digerito” nelle sue parti molli, dalle quali la temibile creatura verde assorbe le sostanze nutritive.

Coltivare la Dionea è facile, basta tenerla esposta al sole il più a lungo possibile (il sole rende le foglie-trappola ancora più rosse), nel sottovaso ci devono sempre essere 2 cm di acqua piovana o distillata (non del rubinetto!), non va concimata, né tantomeno vanno stuzzicate le trappole. D'inverno la Dionea può sopportare temperature anche molto basse, va solo lasciata all'aperto senza acqua, controllando però che il terreno sia umido.

Leggi le altre news...




home | chi siamo | newsletter | news | contatti | credits | privacy              Ciavattini © | All right reserved | Tutti i diritti riservati | reserved                 seguici su facebookfacebook